Una Pergamena per La Solidarietà Città di Napoli, sabato 9 Aprile la premiazione

Pubblicato da Alfonso Angrisani il 10/04/2016

Articolo Pubblicato 04 Aprile 2016 – Gazzetta di Napoli

Articoli

Zeneida Sierra 

Sabato 9 Aprile 2016 alle ore 10:00 a Napoli presso il Complesso di San Severo al Pendino  sito in via Duomo al civico 286  ci sarà la premiazione dei cittadini ed enti non profit che con il loro impegno civico, oppure  eseguendo il loro lavoro secondo i canoni della solidarietà, o secondo il loro impegno religioso o vocazione artistica e sociale hanno reso un servizio alla collettività in particolare ai soggetti deboli, come anziani, bambini, ammalati, immigrati, invalidi civili, giovani disoccupati, donne in difficoltà.

La lista dei premiati è  variegata, tra gli altri sono stati premiati : il sacerdote Dominicano  Rafael Delgrado Suriel  “Padre Chelo” conosciuto in tutto il mondo per la sua missione a favore degli ultimi, che nelle americhe riempie gli stadi , il  Presidente del Parco Nazionale del Cilento degli Alburni e Valle del Diano (e Sindaco di Sassano) onorevole Tommaso Pellegrino sempre a fianco dei cittadini bisognosi nella duplice veste di medico e di amministratore locale,   il Presidente dell’Accademia Internazionale Partenope  Federico II Domenico Cannone,  persone che si battono a favore delle donne vittime di violenza come Pina Mossutto volto storico di Spazio Donna Salerno e Tina Bianco White rappresentante dell’associazione Rosa Bianca, professionisti  che associano la libera professione ad impegno di carattere sociale come gli avvocati Salvatore D’Apice e Fabio Moliterno, la sociologa avellinese Gabriella Petruzziello da anni impegnata nel Sociale, la signora Lucia Pempinelli della provincia di Napoli che si batte da anni a fianco dei disabili , artisti  che mettono la loro arte  come strumento per trasmettere valori sociali e per aiutare chi soffre come  lo scultore Salvatore Ferrara, il Poeta Elia Nese la cantante Ilva Primavera, la pittrice e cantautrice Anna Calemma, la Stilista Giovanna Panico,   persone che trasmettono valori cattolici grazie alla loro professione di giornalista televisiva come Patrizia De Mascellis, impiegati di Enti pubblici come Antonio Riscetti che spesso visita i padiglioni di ospedali pediatrici vestito da clown, oppure Carmine Piccolo che oltre a svolgere con dedizione il suo lavoro risulta essere un padre modello, premiamo anche un pizzaiolo che a Napoli ha ideato la pizza sospesa  come Ciro Oliva, il consulente del lavoro  Maco Fois di origine sarde , la signora Antonietta Mazza che presta la sua opera caritatevole a fianco degli ammalati,  Francesco Saverio Festa volontario della Comunità di Sant’Egidio la signora Ana Negrara,  il presidente del comitato civico di Capodichino Ciro Esposito che svolge il servizio di banco alimentare per le famiglie in difficoltà i  sacerdoti come il Cappellano del policlinico di Napoli Padre  Karl Abathan oppure il salernitano Salvatore Castello  parroco della Chiesa di Santa Croce, ci saranno altre persone infine si ricorda che oltre a questi nomi l’attestato di benemerenza soprarichiamato è stato conferito ad enti   basti ricordare La Federazione Italiana Sindacati Autonomi Professioni Intellettuali,  L’Associazione Medici di Strada Onlus, Il Consolato Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela in Napoli, L’emittente radiotelevisiva Irpina Teleradio Buon Consiglio, La Chiesa dei Santi degli Ultimi giorni di Napoli.  “Ci auguriamo che attraverso questo momento  di carattere culturale i valori della solidarietà e della pace possano  essere sentiti vivi e presenti per coloro che prenderanno parte a questa iniziativa”, è’ Quanto afferma il presidente Alec  Zeneida Sierra.

Condividi

Lascia un commento